I ballottaggi confermano la Destra

Ieri, domenica 24 giugno, ci sono stati i ballottaggi Comunali 2018 ed è stato trionfo per il centrodestra. La perdita da parte di un PD sconsolato anche delle storiche città rosse dovrebbe fargli riflettere su quali siano i sentimenti degli italiani. Sarà che i nodi sono finalmente venuti al pettine? Il popolo è evidentemente e giustamente rimasto deluso da come il centrosinistra ha governato il Paese, facendo più gli interessi delle banche e meno quelli dei cittadini. Come dimenticare lo scandalo Monte Dei Paschi da una parte ed Etruria dall’altra. Le migliaia di persone che sono state fregate e hanno perso i loro risparmi non hanno dimenticato e hanno fatto confluire i loro voti sui rappresentanti del centrodestra.

In questa condizione di sfiducia e di delusione si è inserito bene Matteo Salvini, porta voce della Lega. Infatti, le elezioni e i ballottaggi Comunali 2018 hanno visto l’avanzata quasi totale del centrodestra e della Lega, mentre il PD è stato battuto anche sui terreni in cui poteva sentirsi più sicuro. In Toscana e in Emilia Romagna c’è stato un vero e proprio cambio di tendenza, Pisa, Siena e Massa sono passate in blocco al centrodestra. In queste città i sindaci entranti sono rispettivamente: Michele Conti, Luigi De Mossi e Francesco Persiani. Ma le sconfitte del PD non si fermano qui. Infatti, il centrosinistra ha perso anche Ivrea dove amministrava senza interruzioni dagli anni del Dopoguerra.

La Lega sommerge anche i grillini

Il Movimento 5 Stelle riesce a vincere ad Avellino e a Imola. Nel primo caso con Vincenzo Ciampi che ha superato notevolmente Nello Pizza del centrosinistra. Mentre, nella seconda città è stata Manuela Sangiorgi a vincere il ballottaggio contro Carmen Cappello del PD. Matteo Salvini ha stravinto anche contro il suo alleato Luigi Di Maio che ha cercato comunque di mostrarsi entusiasta per le due vittorie ottenute. Come non notare però le due clamorose sconfitte di Terni e di Ragusa. A Terni lo scontro finale era proprio tra un Movimento 5 Stelle e Lega e ha stravinto il leghista Leonardo Latini con il 63,4%. Anche a Ragusa il Movimento 5 Stelle perde terreno e Antonio Tringali viene battuto da Giuseppe Cassì, sostenuto da liste civiche e Fratelli d’Italia.

Ma questo non ha ancora comportato una frattura tra le alleanze del Governo del cambiamento. Anzi, probabilmente ai ballottaggi delle Comunali 2018 il centrodestra ha anche potuto contare sul sostegno di una parte dell’elettorato del Movimento 5 Stelle. Questa conferma delle alleanze non credo che possa dirsi scontata soprattutto dopo la sovraesposizione di Salvini nelle ultime settimane. Ciò avrebbe potuto portare a delle frizioni tra Lega e Movimento 5 Stelle che, invece, sembrano fare davvero squadra contro gli avversari. Inoltre, sono riusciti a portare la maggioranza dei cittadini dalla loro parte, anche tra coloro che per anni sono stati fedeli al centrosinistra.

Salvini il politico del cambiamento

Salvini sta guadagnando sempre più consensi con il suo modo di affrontare la situazione dell’immigrazione e le ultime vittorie ai ballottaggi Comunali 2018 sono un’ulteriore conferma. Il Partito Democratico non è solo stato sconfitto ma quasi raso al suolo. L’Italia ha cambiato nettamente tendenza, forse stiamo andando verso la fine definitiva del centrosinistra? D’altronde non si può dire che non se lo sia meritato. Le delusioni che ha creato sono state molte e il popolo ha perso la fiducia. Adesso è Matteo Salvini l’uomo e il politico che si sta esponendo più di tutti a protezione del nostro Paese e si sta comportando coerentemente con le proprie ideologie. Idee, le sue, che vengono bene accolte dai cittadini stufi di essere presi in giro da tante belle parole e pochi fatti. Il centrodestra sta prendendosi cura degli interessi del popolo italiano che si sente finalmente messo per davvero al primo posto.