Il percorso di Luca Pastorino

Luca Pastorino nasce a Genova nel 1971 ed è conosciuto per essere un politico italiano. Vive infanzia, adolescenza e studi universitari nella sua città natale ed è lì che inizia anche a lavorare come funzionario amministrativo. Dopo essere stato anche consigliere comunale a Bogliasco, nel 2006, viene eletto Sindaco mentre era a capo di una lista civica di centro-sinistra. Dieci anni dopo, nel 2016, si candida alla carica di Consigliere Comunale, all’interno della lista “Insieme per Bogliasco”. In quell’occasione a diventare sindaco fu Gianluigi Brisca, precedentemente suo vicesindaco. Nel frattempo, negli anni precedenti, si era candidato alle primarie del PD e viene posto in lista per essere eletto alle elezioni politiche del 2013, anno in cui divenne Deputato del Parlamento. Durante la sua attività presentò un disegno di legge in cui proponeva l’istituzione di un’anagrafe per partiti, movimento politici e titolari di cariche pubbliche, oltre a presentare 26 emendamenti come primo firmatario. Durante il 2015 la sua carriera politica vide un po’ di movimenti, prima abbandona il Partito Democratico per passare ad un gruppo misto, poi passa al nuovo soggetto politico di Pippo Civati, chiamato Possibile. Successivamente, Luca Pastorino insieme ad altri tre deputati di Possibile, passa ad Alternativa Libera che muterà il suo nome in Alternativa Libera-Possibile.