Situazione sicurezza a Rozzano

Tanti sono gli episodi che si susseguono e fanno dubitare della condizione di sicurezza a Rozzano e anche in molti altri comuni nella regione Lombardia. Le problematiche sono ancora tante e, purtroppo, all’ordine del giorno. In particolare, la situazione sicurezza a Rozzano, o meglio dire, mancata sicurezza, non fa sentire i cittadini tutelati. Molti sono i casi di auto danneggiate gravemente per essere rubate nella loro interezza o per prendere possesso di oggetti di valore al loro interno. Questo capita quando le auto sono parcheggiate in strada ma anche quando si trovano all’interno dei garage, che vengono appositamente scassinati. Inoltre, molti sono anche gli scippi che avvengono ai danni degli abitanti che camminano tranquillamente per strada. Inoltre, non si possono dormire sonni tranquilli nemmeno nelle case. Sono stati molti i casi registrati dei furti negli appartamenti, soprattutto quelli abitati da anziani che già faticano ad arrivare a fine mese a causa delle pensioni molto basse. Questi malviventi non “lavorano” da soli ma sono gruppi e associazioni a delinquere colpevoli di furti, rapine, riciclaggio e ricettazione. Inoltre, sono responsabili della detenzione di armi e di atti di violenza sia a civili che alle forze dell’ordine.

Degrado e atti vandalici

Ma queste forme di delinquenza non sono le uniche riscontrate che mettono a repentaglio la sicurezza a Rozzano. Molti, anche ragazzi giovani, non dimostrano cura per il proprio territorio di appartenenza e sono causa di degrado degli spazi pubblici, atti vandalici e risse. Alcuni di questi ragazzi arrivano anche dai comuni limitrofi e dalla città di Milano. Probabilmente per loro è un divertimento o pensano che si tratti di un gioco. Devono capire che a rimetterci sono sia loro stessi, che si vanno a trovare in condizioni di pericolo, sia tutti gli altri cittadini che si trovano a vivere in un clima di delinquenza e degrado.

È arrivato il momento di fare qualcosa di concreto per cambiare questa condizione. Le stesse forze dell’ordine spesso si trovano in situazioni pericolose dovendo affrontare gruppi di malintenzionati, molte volte sotto l’uso di sostanze stupefacenti. È necessario, quindi, che vengano fornite delle dotazioni adeguate e all’avanguardia agli organi di sorveglianza che si adoperano per mantenere condizioni di sicurezza a Rozzano.

Quarantuno comuni hanno firmato per le “sentinelle di quartiere”

Sono stati quarantuno i sindaci che si sono incontrati questa mattina a Milano per firmare un documento di collaborazione tra i cittadini e le forze dell’ordine. I cittadini, riuniti in gruppi di volontari, le “sentinelle di quartiere”, si propongono di partecipare a questa iniziativa volta a garantire situazioni di sicurezza. La loro funzione sarà quella di collaboratori e informatori delle forze di vigilanza, alle quali potranno riferire atti o circostanze illegali di cui si trovano ad essere testimoni.

La lista dei Comuni che hanno sottoscritto l’accordo: Arese, Assago, Bresso, Buccinasco, Bussero, Busto Garolfo, Cambiago, Canegrate, Carpiano, Cassano D’Adda, Cassine De’ Pecchi, Castano Primo, Cernusco sul Naviglio, Cerro Al Lambro, Cerro Maggiore, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Corsico, Cusago, Lacchiarella, Lainate, Legnano, Magenta, Nerviano, Parabiago, Paullo, Pioltello, Pogliano Milanese, Pregnana Milanese, Rodano, Rosate, Rozzano, San Colombano Al Lambro, San Vittore Olona, Senago, Sesto San Giovanni, Trezzano Sul Naviglio, Vanzaghello, Vaprio D’Adda, Vermezzo, Villa Cortese.

Inizia così la strada della collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine, nasconde certamente pericoli e insidie ma è volta al mantenimento condiviso della sicurezza e dell’ordine pubblico.